header basilio
cucitura

I Prodotti di Basilio Testella

Di cose strane e bizzarre entrando nella Bottega Vasì® se ne possono trovare un'infinità, da strumenti indispensabili che Vasì si creava e utilizzava nel suo tempo libero, come ad esempio i vari arnesi per la raccolta dei funghi e degli asparagi, fino ad arrivare a strumenti più complessi come ad esempio un tornio per la lavorazione del legno, interamente realizzato da lui, riutilizzando vecchi componenti appartenuti a qualche altro macchinario non più funzionante e che probabilmente oggi, per come ci stiamo abituando, avremmo buttato perché rotto. Tutto nella nostra bottega, può avere una seconda vita, un pezzo di legno, come uno scarto di pelle o di cuoio. Quella che era stata la materia prima per qualcosa , ritorna ad essere materia prima per qualche altra nuova invenzione e per dar vita a qualche altra nuova idea! Grazie alla passione per le cose fatte personalmente, all'ingegno e alla voglia di sperimentare cose nuove e magari a volte, anche apparentemente senza senso, ho visto mio padre creare cose straordinarie nel suo laboratorio. C'è stato un periodo in cui realizzare i Pinocchi divenne una priorità e ogni giorno nascevano dalle sue mani, "famiglie" intere di Pinocchi di tutte le dimensioni e che puntualmente venivano regalati a nipoti ed amici. Le botti, altro oggetto su cui ci si potrebbe scrivere un libro. Credo che le botti, oltre che per il classico utilizzo che se ne poteva fare, mio padre adorava realizzarle perché lo riportava alla sua infanzia, lo faceva

tornare bambino, quando, figlio di falegname, aiutava mio nonno nella loro costruzione e a quei tempi queste produzioni permettevano alla nostra famiglia di guadagnare il pane per vivere. Per le scarpe, bé credo quello sia stato l'appuntamento con il destino; quando sei un giovane Montegranarese nel dopoguerra, quando la ripresa economica è da poco iniziata e lasci la campagna per andare ad "imparare un mestiere", qui a Montegranaro in quegli anni, difficilmente non potevi metterti a fare calzature! Il lavoro non mancava e il talento già si vedeva in lui probabilmente, il resto è storia di oggi! Gli orologi invece, sono stati una sorpresa anche per me, forse perché non mi era mai capitato vederlo mettersi li a costruirne uno. Un giorno rovistando tra le sue cose mi capitò di prenderne in mano uno, credo un primo prototipo, si vedeva che non era ancora finito, ma già aveva una forma ben chiara. Non ho mai capito il perché della scelta degli orologi, ma pensandoci a fondo credo di essere arrivato alla giusta conclusione: l'orologio è lo strumento che scandisce il tempo, l'unica cosa che non si può ne fermare ne comprare. Il tempo, una delle cose a cui mio padre ha sempre dato grande importanza in tutte le cose che faceva. Ogni cosa ed ogni essere vivente ha il suo, non importava quale fosse purché fosse sempre speso bene e per fare qualcosa di buono, ed io è proprio ciò che ho voluto fare, non fermare e non sprecare ciò che mio padre aveva fatto....................nel Tempo.

cucitura
cucitura